profilo con fumo della sigaretta

Fatti una canna che ti rilassi

“…una canna è solo una canna. Cosa vuoi che possa fare! Ti rende tutto più leggero, ti rilassa”

Ecco…affermazioni semplici come queste…mi fanno saltare la mosca al naso (per usare un eufemismo) per due ordini di motivi:

  1. gli studi parlano chiaro sugli effetti della cannabis sul nostro cervello
  2. se non riesci a rilassarti e per farlo necessiti di una canna…parliamone!!!!!

Se essicchi le cime fiorite della pianta femminile della canapa ottieni l’erba, la marijuana, mentre dalla resina delle infiorescenze della canapa si ricavano delle tavolette di hashish.

Così se mischi del tabacco alla marijuana o all’hashish ti puoi fare una canna (si stima che 4 milioni di italiani ne fanno uso) con concentrazioni diverse di THC il  Delta-9-tetraidrocannabinolo, il principio stupefacente della canapa.

Sì! E’ uno stupefacente, è una sostanza psicoattiva…

Il punto è che “non c’è più la canapa di una volta” perchè il rischio è che potresti fare uso anche di sostanze che:

-nel migliore dei casi sono state “pompate” chimicamente  di  sostanze per aumentare la presenza di THC anche di 70 volte in più rispetto a ciò che troveresti “in natura”

-nel peggiore dei casi, potresti trovarti a fumare solo roba chimica con effetti devastanti sino ad avvelenamenti di massa e decessi.

Quindi scordati Bob Marley ed il rastafarianesimo che considera la marijuana un mezzo per raggiungere consapevolezza ed accrescere la spiritualità e sappi che gli effetti collaterali del consumatore di cannabis possono essere devastanti.

Il THC è un composto psicoattivo: influisce sulla funzionalità cerebrale agendo a livello del sistema nervoso centrale con alterazione di stato d’animo, comportamento, percezione e funzioni cognitive:

-insonnia

-depressione

-nausea e perdita di appetito

-ansia e paranoia

Attiva stati psicotici e schizofrenici…quindi, per favore, non dirmi che una canna non ha mai fatto male a nessuno!!

Ti potrei raccontare la storia di una mia paziente che ha iniziato a sperimentare forti attacchi di panico e stati ansiosi dopo aver fumato uno spinello con i suoi amici. Lei ha maledetto quel giorno che l’ha portata a sperimentare più volte la sensazione di morire, tachicardia e depersonalizzazione…solo per riportare alcuni sintomi.

Quindi…per chi mi chiede se è vero che la cannabis aiuta a non soffrire di ansia, la risposta è NO.

Vieni in studio ad apprendere tecniche altrettanto “stupefacenti” per gestire la tua ansia ed il tuo stress!! 😉

Spezzo una lancia a favore della cannabis solo alla luce delle ricerche scientifiche circa il suo uso terapeutico.

La ricerca scientifica oggi ci ha consentito di scoprire che esiste un altro cannabinoide non psicoattivo che è il Cannabidiolo (CBD) che sembra invece avere importanti e benefici effetti terapeutici nel caso di:

– artrite reumatoide

– dolori cronici di natura neuropatica

-sclerosi laterale miotrofica

-tremori del Parkinson

-effetti collaterali di cure per pazienti oncologici e pazienti terminali

Anche se studi recenti non escludono totalmente la possibilità di un effetto psicoattivo e anche se abbiamo bisogno di trial clinici più approfonditi per individuare esattamente le funzioni che hanno quando agiscono insieme CBD e THC sotto forma di cannabis, la ricerca sembra essere promettente e ben venga se può alleviare le sofferenze fisiche di molte persone.

 

P.s…mi sono fatta odiare abbastanza oggi????

 

 

cuore stilizzato

5 sensi? Non mi bastano!

I 5 sensi: olfatto, vista, gusto, tatto, udito.

Ci hanno insegnato sin da piccoli che l’essere umano ha solo 5 sensi.

Eppure diverse scoperte scientifiche ci hanno fatto sapere che siamo dotati di abilità sensoriali di grande importanza per il nostro benessere psicofisico.

Per esempio, diamo per scontato la nostra capacità di percepire il nostro corpo nello spazio sia da fermi che in movimento.

Questa abilità è la PROPRIOCEZIONE (proprio=se stessi), è il senso interiore del nostro corpo.

Se è danneggiato questo senso ci sono gravi conseguenze per la qualità della nostra vita, come ci racconta il neurologo Oliver Sacks di una sua paziente aveva perso la propriocezione a causa di un abuso di farmaci.

Apparantemente normale, la donna non aveva nessun senso del proprio corpo al punto che non riusciva a muovere il proprio braccio per nutrirsi solo se era in grado di vederlo.

Un’altra abilità sensoriale molto importante è l’INTEROCEZIONE: ci permette di avere consapevolezza su come si sente il nostro corpo dall’interno, è l’esperienza che facciamo del nostro corpo.

Se riesci a rispondere alla domanda “come ti senti oggi?” è proprio grazie a questo senso!

Queste abilità sensoriali vanno affinate ed allenate proprio perchè anche l’esperienza di noi stessi e delle nostre emozioni passa attraverso il nostro corpo.

Pensa, ad esempio, a come queste abilità possono essere di grande aiuto per  apprendere a rilassarti per gestire l’ansia.

Sono sicura che già da adesso inizierai a prestare un’attenzione diversa al tuo corpo!

Se vuoi sapere come queste abilità possono aiutarti ad allentare l’ansia e lo stress, partecipa al seminario gratuito “Distruggi gli attchi di panico” sabato 1 aprile alle ore 17 presso i locali dell’Università Poplare degli Studi Siciliana.

Ricordati di prenotare il tuo posto gratuito al seguente link

http://www.distruggi-attacchi-di-panico.it/SP/evt/

Ti aspetto!

 

 

Maori che danzano

Il più potente energizzante che ti rimetterà al mondo. Vivi l’energia pura!

Energia…energia pura! Mi dispiace deluderti, ma non ho il nome di nessun farmaco da poterti dare. E non ti suggerirò neanche il nome di qualche integratore alimentare miracoloso. Neanche nessuna ricetta magica…sorry!!

Ti posso spiegare però come puoi caricare di energia positiva il tuo corpo e lo puoi fare in maniera divertente.

Adesso chiediti per un attimo… come fai a capire se una persona è felice o è triste? Lo capisci subito dalla mimica del suo corpo, dalle sue espressioni facciali, dal suo andamento.

Le persone depresse e tristi come camminano? Testa bassa, espressione degli occhi assente o assorta, spalle ricurve, bocca all’ingiù, movimenti e andamento lento.

E le persone felici? Le vedi gironzolare quasi con un sorriso da ebete, espressione degli occhi gioiosa, fluttuano più che camminare, sprizzano energia, la testa è alta e si guardano attorno.

Insomma ti rendi subito conto dello stato d’animo di una persona, anche senza conoscerla, semplicemente osservando il suo comportamento non verbale.

Se è vero che le emozioni influenzano non soltanto i nostri pensieri ma anche il nostro corpo, è altrettanto vero l’opposto!

Posso, cioè, assumere atteggiamenti mentali e fisici che possono influenzare positivamente le nostre emozioni.

Allora, se ti senti stanco, depresso, emotivamente provato, senza energia quello che puoi fare è diventare un maori e imitare la loro famosissima danza Haka.

Questa danza, che da molti è stata considerata erroneamente una danza di guerra, in realtà nella sua espressione è un messaggio dell’anima che avviene attraverso  parole e  atteggiamenti.

È una composizione strumentale attraverso l’utilizzo di mani, piedi, occhi, versi, parole che esprimono passione, forza e vigore.

Ci si batte il petto, si spalancano e roteano gli occhi, si digrignano i denti, si muove la lingua. È impossibile non rimanerne affascinati!

È una danza che esprime il sentimento interiore di chi la esegue e può avere molteplici significati come una manifestazione di gioia o di dolore.

È una via di espressione libera che lascia a chi la esegue momenti di libertà nei movimenti.

La Haka, nella versione Ka Mate è stata resa celebre dagli  All Blacks, i giocatori di rugby della Nova Zelanda, che la ripetono ad ogni partita, dopo gli inni nazionali, per intimorire gli avversari ed esprimere la loro forza.

I maori la utilizzano quando si sentono bene o vogliono esprimere un sentimento in modo libero.

C’è un leader che guida la danza e che coordina il gruppo. Ed ecco le parole di questa danza:

Leader:
Ringa pakia! / Batti le mani contro le cosce!
Uma tiraha! / Sbuffa col petto.
Turi whatia! / Piega le ginocchia!
Hope whai ake! / Lascia che i fianchi li seguano!
Waewae takahia kia kino! / Pesta i piedi più forte che puoi!

Leader: Ka mate, ka mate / È la morte, È la morte!
Squadra: Ka ora’ Ka ora’ / È la vita, è la vita!
Leader: Ka mate, ka mate / È la morte, è la morte!
Squadra: Ka ora Ka ora! / È la vita, è la vita!

Tutti:
Tēnei te tangata pūhuruhuru / Questo è l’uomo dai lunghi capelli
Nāna i tiki mai whakawhiti te rā /è colui che ha fatto splendere il sole su di me!
A Upane! Ka Upane! / Ancora uno scalino, ancora uno scalino,
Upane Kaupane / un altro fino in alto,
Whiti te rā! / il sole splende!
Hī! /Alzati!

Beh non ti resta che trasformarti in un maori e provare a sentire l’energia dentro di te! Danza!!!