rana in gesto di diniego

Cosa si nasconde dietro un NO? Il significato di un NO

Oggi parlavo con una mia paziente della sua difficoltà di riuscire a dire di NO. Ammettilo…è capitato anche a te!

 

Il problema è che per lei diventa davvero difficoltoso trovare il modo di dire di NO al punto tale che si inventa incredibili scuse per imbellire il suo NO, che riesce a dire solo dopo numero tentennamenti e lasciandosi dietro tante emozioni negative.

Ma non riesce neanche a tollerare un NO da parte degli altri perchè lei si fa in quattro per tutti e “...non è giusto che quando io chieda qualcosa mi si venga detto NO…non me lo merito

 

Perchè è così difficile dire di NO o accettare un NO come risposta da parte degli altri?

 

Un NO ci fa provare sempre emozioni negative. Perchè?

 

Innanzitutto un NO rappresenta spesso un RIFIUTO sia che siamo noi a dire di NO o sono gli altri a dircelo.

Se siamo noi a dire NO, ciò rappresenta un rifiuto verso gli altri e questo ci provoca SENSI DI COLPA.

 

Come superare questo senso di colpa?

Chiediti, innanzitutto, se ciò a cui hai detto di NO è una richiesta RAGIONEVOLE. Se, infatti, tale richiesta è qualcosa che non vuoi o non puoi fare non puoi sentirti in colpa.

Se tuo figlio ti ha richiesto l’ennesimo cellulare alla moda dopo averglielo già comprato un anno fa, non puoi sentirti in colpa se non vuoi/puoi correre dietro a capricci adolescenziali. Decidi tu se ti sembra una richiesta ragionevole o meno, magari riesaminando cosa comporta per te un eventuale SI.

Ritornando all’esempio della richiesta di acquisto del cellulare…cosa comporta se decidi di acquistarlo?

  • Spendi soldi che in questo momento non vuoi/puoi spendere?
  • Cambi destinazione di spesa rinunciando a qualcosa di più utile per te, tuo figlio o la tua famiglia e ciò ti provoca frustrazione perchè devi scegliere?
  • Che messaggio vuoi dare a tuo figlio?
  • Cosa cambierebbe se tu dicessi SI?

Un NO o un SI nascondono dietro di sè tante sfumature e tanti significati.

 

Quando siamo noi a subire un NO, in questo caso  spesso avvertiamo un rifiuto degli altri verso noi stessi: ciò frusta il nostro continuo BISOGNO DI APPROVAZIONE.

 

In realtà, ciò che dovremmo bene tenere in mente è che se ci viene detto un NO non si tratta mai di un RIFIUTO VERSO LA NOSTRA PERSONA  MA VERSO LA NOSTRA RICHIESTA.

Se mio padre  ha detto NO al nuovo cellulare supermegagalattico non è perchè mi sta rifiutando, non è perchè non mi vuole bene, non è perchè per lui non esisto ma ha semplicemente ha detto di NO ad una richiesta che per lui non è accettabile secondo il suo punto di vista.

 

Ho fatto l’esempio tra un genitore ed un figlio, ma queste dinamiche relazionali e comunicative del NO valgono in qualsiasi rapporto: in una coppia, tra amici, tra colleghi di lavoro.

Se ritieni che è importante SAPER DIRE DI NO e RIUSCIRE A TOLLERARE UN NO DETTO DAGLI ALTRI, condividi questo articolo.

Alla prossima!

 

 

Gaetana

About Gaetana

Nessun Commento

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.